× Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies

Agenzia Immobiliare a Prato, Compravendita Immobili in Toscana

Chi Siamo Locazione

La locazione è disciplinata dal codice civile e per gli immobili adibiti ad uso abitativo dalla legge n.431 / 1998 e sue integrazioni e modificazioni seguenti.

Il contratto di locazione per questo tipo di immobili deve avere una durata non inferiore a quattro anni, decorsi i quali si rinnova per un egual periodo fatti salvi i casi previsti all’art.3 della medesima legge.

Sono previsti contratti di locazione di natura transitoria con condizioni e modalità definite anche di durata inferiore ai limiti contenuti nella presente legge per soddisfare particolari esigenze delle parti.

Al fine di agevolare la locazione è presente all’interno della legge 431/1998 una tipologia contrattuale definita a canone concordato che ha una durata di tre anni e due per il rinnovo e tiene conto per la definizione dell’importo di una serie di parametri oggettivi dell’immobile quale la dimensione, la categoria catastale, la zona etc., individuati dal comune dove è posto l’immobile mediante un accordo ratificato dalle organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori maggiormente rappresentativa a livello nazionale.

Per i comuni dove non è presente tale accordo la base di riferimento è stabilita da un decreto del ministero dei lavori pubblici.

Ad oggi la quasi totalità dei comuni ha ratificato tale accordo ed è possibile visionarlo sul proprio sito ufficiale.

È prevista la facoltà di recesso anticipato dal contratto con un preavviso di sei mesi.

I contratti di locazione ad uso abitativo possono godere di un regime fiscale facoltativo definito “cedolare secca” che si sostanzia nel pagamento di un imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali pari al 21% oltre a non dover pagare l’imposta di registro e l’imposta di bollo, ma tale regime fiscale è utilizzabile dai proprietari che risultino persone fisiche e non nell’esercizio dell’attività d’impresa nelle categorie catastali immobiliari da A1 ad A11 (escluso A10 uffici) locate ad uso abitativo e per le relative pertinenze.

Per i contratti a canone concordato è prevista un aliquota pari al 10% per il quadriennio 2014/2017 ridotta relativa alle abitazioni ubicate nei comuni ad alta tensione abitativa o con carenze di disponibilità abitative (DL551/88).